News

I robot rasaerba Neumann lavorano anche sotto la pioggia

Acqua e tanto sole: non c’è nulla di meglio per fare crescere velocemente il prato in estate. Ma se le piogge sono insistenti o se piove nel weekend, quando tagliare l’erba?
«La soluzione arriva dall’automazione: i moderni robot rasaerba sono in grado di operare anche nelle condizioni atmosferiche più difficili, sollevandoci dall’incombenza di tagliare periodicamente il prato e di preoccuparci del meteo»
Normalmente in estate c’è la necessità di tagliare l’erba una volta alla settimana. Ma non sempre è possibile trovare la giornata giusta a causa di impegni o del maltempo. Un fatto, quest’ultimo, non così raro. Infatti l’estate dell’anno scorso è stata piuttosto bagnata: dal 1 giugno al 31 agosto 2014 ben 25 perturbazioni hanno interessato la nostra penisola rovinando le vacanze di molti con quantitativi di pioggia doppi, in alcune zone quadrupli, rispetto alla norma.

E per quest’anno? Se giugno ha confermato finora una tendenza piuttosto piovosa con 9 giorni d’acqua nelle sole prime due settimane (contro le sole 3 del giugno 2014), le previsioni annunciano un’estate altalenante dove fasi calde e soleggiate, a tratti anche particolarmente intense, saranno interrotte da rapide incursioni di aria più fresca e umida in grado di innescare tempo instabile.

«Pur augurandoci un’estate calda e senza eccessive precipitazioni, è possibile togliersi il pensiero di come e quando tagliare il prato. In caso di pioggia, il robot MiniMission lavora senza problemi sollevandoci dalla necessità di trovare il giorno più asciutto per tagliare il prato. Ma anche nel caso opposto di estremo caldo, MiniMission ci viene incontro: garantisce una perfetta manutenzione del prato senza dover far ricorso in modo eccessivo all’irrigazione». Spiega Neumann Italia: «Intervenendo spesso nel taglio del prato, il robot non richiede la raccolta dell’erba tagliata. Anzi, il deposito di piccoli frammenti di erba sul suolo limita l’evaporazione dell’umidità del terreno nelle ore calde della giornata, riducendo in modo significativo la necessità di irrigare il prato».

Inoltre, il taglio frequente si traduce nell’asportazione di pochi millimetri di prato con due vantaggi: i frammenti d’erba depositati sul terreno si decompongono velocemente fornendo al suolo un nutrimento organico assolutamente naturale; le erbacce non hanno il tempo di arrivare alla fioritura, rendendo di fatto inutile il ricorso a trattamenti diserbanti selettivi per le specie infestanti.

26 Jun 2015

Richiedi una dimostrazione

X

* campi obbligatori

Grazie

La tua richiesta è stata inoltrata con successo

Il Team Neumann

Errore